Birra in Valle d’Aosta, tra ghiacciai e vette estreme – Birrificio Aosta e alb


Birra in Valle d'Aosta, tra ghiacciai e vette estreme - Birrificio Aosta e alb

Per scoprire il mondo dei micro birrifici regionali iniziamo il viaggio approfittando dell’evento clou della regione: la millenaria Foire de Saint-Ours che come ogni anno il 30 e 31 gennaio trasforma le vie del centro di Aosta  nella più grande fiera dell’artigianato.

Nei punti Rosso Neri si può trovare ristoro (formaggi, salumi, zuppe, dolci, vini e naturalmente birre) mentre per chi volesse portarsi a casa uno dei tanti prodotti della Vallée il padiglione enogastronomico permette in un colpo solo di poter scegliere tra  prodotti e vini DOP della Valle d’Aosta.

Dal 2011 il birrificio Aosta di Saint-Christophe produce una birra artigianale invernale dedicata alla Fiera di Sant’Orso, presentata con una  bottiglia “champagnotta” con il logo ufficiale della Foire. Si tratta di una serie limitata; l’edizione 2018 è preparata con malto d’orzo e con malto di segale valdostana.

Per questa edizione 2018  è stata ideata anche una “gran riserva”(edizione limitatissima).La particolarità di questa serie speciale è la maturazione di 21 giorni in una botte di legno dove si è affinato del Muscat de Chambave DOP al termine è stato poi aggiunto uno sciroppo di sambuco valdostano prodotto dall’azienda “Douce Vallée” di Châtillon.

A Fiera conclusa il locale “alb” -  al birrificio -  di Saint-Christophe aprirà i battenti al pubblico dopo un periodo di chiusura con una veste rinnovata; divanetti, luci soffuse, tavolate e un bancone lunghissimo, molto ampio  e appositamente studiato per sedersi comodamente. Il locale propone una selezione di 150 birre tra italiane e straniere e un impianto di spillatura a 10 vie.

Domenico Cavallaro, Beer Sommelier dopo un corso annuale di studi a Padova ci racconta di voler dar vita ad un locale dove poter condividere una birra che, ricorda, è una bevanda da compagnia, da gruppo  di amici. Per questo motivo, ogni mercoledì verrà proposto il ”beer sharing”, format che funziona molto bene all’estero per cui verrà servita sul bancone una birra da condividere con chiunque, dopo una breve presentazione da parte del beer sommelier; Domenico infatti crede molto nella cultura della birra e nella degustazione consapevole. In un angolo del locale è allestita una piccola biblioteca con libri che parlano di birra in diverse lingue da sfogliare e leggere in compagnia sempre condividendo una birra.

Un altro format che “al birrificio” intende proporre è “birra contro vino” con due rispettivi sommelier a proporre la propria bevanda e a guidare gli ospiti in una degustazione  accompagnando con le ostriche; sì perché l’incontro tra ostriche e birre è più antico di quello tra ostriche e champagne e sappiamo che avvenne già intorno alla metà del XVIII in Inghilterra dove le ostriche pescate abbondavano e la birra era la bevanda più diffusa e economica.

Naturalmente il dietro le quinte è molto importante e qui la mano del mastro birraio fa la differenza.

Fulvio Beata da 9 anni è il mastro birraio del birrificio di Saint-Christophe; produce birre anche per altre aziende e insieme a Domenico ha una vera e propria passione per questa bevanda.. Ci racconta che una birra artigianale non viene mai due volte perfettamente identica perché possono variare leggermente di volta in volta le condizioni degli ingredienti (la stessa acqua non presenta sempre le stesse percentuali di sali minerali, i malti utilizzati non sono assolutamente sempre uguali e la fermentazione originata dai lieviti non si comporta sempre allo stesso modo… c’è davvero un modo dietro ad un buon bicchiere di birra…

Fulvio e Domenico hanno creato per gioco una birra con mosto d’uva Fumin; ne hanno realizzato pochissime bottiglie, a detta loro, buonissime (tutte bevute!!!) ma il sogno più grande è riuscire a produrre una birra al 100% Made in VDA sia con i prodotti che con le strutture necessarie, impianto di maltazione in primis (magari in collaborazione con altri micro birrifici).

Appuntamento quindi al padiglione enogastronomico della Foire de Saint-Ours (Piazza Plouves) e poi a Saint-Christophe alle porte di Aosta per scoprire con tutta calma le emozioni che si celano in un calice di birra.

(Testi e interviste a cura di: Patrizia Luboz e Stefano Carletto) – foto Enrico Romanzi

 


Argomenti correlati:

Inserito in Degustiamo, GUSTO

Tags: , ,

Puoi lasciare il tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calendario Eventi

mese prec Luglio 2018 mese succ caricamento...
D L M M G V S
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31