Ospitalità, terme e bellezza nel mondo romano. Un invito a Saint-Vincent per un tuffo nel passato

Evento dal 15/08/2015 al 06/09/2015
Le Terme di Saint-Vincent sono note sin dal XVIII secolo. Ma quanti sanno che, in paese, ce ne sono altre di circa 2000 anni fa? Scopritele immergendovi nella "salus per aquam" degli antichi Romani!

Saint-Vincent, nota località della valle centrale, famosa per il suo Casinò e per le Terme, conosciute sin dal XVIII secolo col nome di Fons Salutis.

Saint-Vincent è anche chiamata la “Riviera delle Alpi” in virtù del suo clima mite e della sua esposizione a sud che sfrutta una vera e propria balconata verdeggiante aperta sul fondovalle. Affacciata su un paesaggio arioso, a breve distanza da Aosta, ben collegata alla Valtournenche e alla Val d’Ayas, Saint-Vincent è da sempre sinonimo di ospitalità, benessere e ricettività.

UN PO’ DI STORIA

Ma non va dimenticato l’illustre e ricco passato di questo luogo, attraversato dalla strada romana delle Gallie sin dal I secolo a.C. (a poca distanza dal centro si trovano i resti del ponte in località Cillian), un itinerario ben organizzato e sicuro poi divenuto, col Medioevo, la Via Francigena.

E un percorso così importante da sempre ha richiesto una capillare organizzazione in termini di punti-tappa, ricoveri per uomini e animali, fonti d’acqua e altre infrastrutture.

Chissà quanti di voi sanno che sotto la bella chiesa parrocchiale di Saint-Vincent, si cela proprio uno di questi luoghi strettamente legati al transito e al riposo dei viandanti…

L’attuale Via Roma, infatti, in buona parte, sebbene con larghezza ridotta, ricalca il tracciato della via romana lungo la quale, proprio dove oggi sorge la chiesa, si apriva una mansio, cioè un edificio deputato all’accoglienza dei viaggiatori, oltretutto dotata di balnea, cioè di un piccolo ma funzionale impianto termale. Un primo complesso, databile al I sec. d.C., poi ampliatosi nel secolo successivo e rimasto attivo almeno fino al IV secolo d.C.

Un sito già noto e frequentato da molto tempo prima dell’arrivo dei Romani, dato che lì dove sorse questa mansio, sono state individuate tracce di abitazioni e oggetti riferibili al lungo periodo che va dalla Tarda Età del Bronzo fino a tutta l’Età del Ferro (XI-V sec a.C.).

Durante il V secolo d.C., il complesso ricettivo-termale era ormai in abbandono e cominciarono ad essere realizzate le prime sepolture tra le quali si distingue un mausoleo, una sorta di grande tomba di famiglia, attorno cui vennero moltiplicandosi e stringendosi le altre sepolture.

UNA PICCOLA “SPA” SULLA VIA DELLE GALLIE

E’ un vero e proprio viaggio a ritroso nel tempo quello che potrete fare nel sito archeologico sotto la chiesa di Saint-Vincent, oltretutto abbellito e arricchito da un recente intervento di valorizzazione e musealizzazione che ne ha reso più evidenti e comprensibili le singole fasi cronologiche e le rispettive destinazioni d’uso.

Dalla lunga fila dei poderosi pilastri della chiesa romanica di XII secolo, si arriverà di fronte al mausoleo e non senza alcune…sorprese! Da qui il cammino prosegue verso le testimonianze dell’età romana dove sarete accolti da un’atmosfera molto particolare, oserei dire “acquatica”!

La scoperta dell’impianto termale e del suo antico funzionamento vi condurrà verso l’epoca protostorica dove sono state inoltre allestite delle belle vetrine didattiche con i reperti meglio conservati e più significativi ritrovati nel sito.

Se già vi è venuta un po’ di curiosità, allora non potrete perdervi gli interessanti appuntamenti di agosto che, grazie alla guida di giovani archeologi, vi condurranno nel mondo del viaggio e dell’ospitalità, della bellezza e delle terme, dei mille usi dell’acqua e della vita quotidiana ai tempi di Roma antica.

Immergiti nel passato. Ospitalità, acqua e bellezza nel mondo romano”, questo il titolo di una manifestazione suddivisa in quattro incontri in cui la visita del sito sarà resa speciale da un magico mix di suoni, colori, odori, immagini e narrazioni. Concedetevi, quindi, un “pomeriggio alle terme” lungo la Via delle Gallie.

A Saint-Vincent lasalus per aquam ha davvero una plurisecolare tradizione!

Un evento organizzato dalla ditta Akhet, in collaborazione con la Regione Autonoma Valle d’Aosta, la Soprintendenza per i Beni e le Attività Culturali e il Comune di Saint Vincent .

Per il calendario degli eventi cliccate qui

(autori: Claudia De Davide, Stella Bertarione)


Google Calendar iCal

Inserito in Archeologia, CULTURA, Eventi

Tags: , , , , , ,

2 commenti a proposito di “Ospitalità, terme e bellezza nel mondo romano. Un invito a Saint-Vincent per un tuffo nel passato

  1. elvira ramagail.comlia il scrive:

    il sito archeologico è situato sotto la chiesa ? come fare per visitarlo ? in agosto sarò li a s.Vincent.Molto interessante.Grazie.

    • Stella Bertarione il scrive:

      Buongiorno Elvira! Il sito è accessibile dall’esterno della chiesa a sinistra dell’ingresso. Tuttavia non ho modo di dirle oggi se ad agosto sarà aperto. Quest’estate era visitabile nei fine settimana grazie a dei giovani volontari. Le segnalo comunque la pagina Facebook “Sito archeologico Saint-Vincent”. La aspettiamo!

Puoi lasciare il tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calendario Eventi

mese prec Agosto 2019 mese succ caricamento...
D L M M G V S
       
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31