Neve fresca a Pila


Cristina racconta la sua prima giornata sugli sci a Pila in compagnia delle due amiche e dei suggestivi panorami che solo la Valle d’Aosta sa regalareLa migliore compagnia

Quest’inverno la neve si è fatta desiderare a lungo, ma è la montagna a decidere, noi non possiamo fare altro che restare in attesa e seguire le sue regole.

La prima nevicata della stagione e un fantastico cielo limpido… oggi l’unica cosa da fare è prendere gli sci e salire in vetta.

Ritrovo alle 8.30 alla stazione di partenza della telecabina Aosta-Pila. La migliore compagnia possibile: Alessia detta “Cuba”, incosciente e imprevedibile, e Giorgia, leggera e luminosa come nessun’altra.

Consapevoli che in 20 minuti si raggiungono soffici panorami bianchi, i nostri sci fremono e la nostra mente vola già, accantonando i pensieri di sempre.

La seggiovia Chamolé ci porta sufficientemente in alto da avere quasi tutto il comprensorio a disposizione per la nostra prima discesa. La neve delicata e i timidi raggi di sole che incominciano a intiepidire l’aria mattutina ancora gelida ci indirizzano magicamente verso un incantevole boschetto “inviolato”. Per noi il fuoripista è puro divertimento. La sensazione della neve che ti accarezza dolcemente il viso è inebriante e nient’altro sa portarti così in alto. Procedendo con cautela ci improvvisiamo slalomiste, facendo degli alberi i nostri pali. Nessun rumore. Solo il  nostro respiro e la neve che scivola sotto agli sci interrompe il profondo silenzio in cui ci stiamo immergendo.

In un istante sbuchiamo sulla pista “Gorraz” dove la neve, non essendo ancora stata battuta, risulta piuttosto dura e segnata dalle tracce di altri sciatori.  Non è semplice arrivare in fondo… siamo ancora agli inizi di stagione e le gambe bruciano dalla fatica, curva dopo curva. Così, per rigenerare le gambe, ci concediamo una pausa prima di continuare verso altre discese. L’appetito inizia a farsi sentire e “Lo Baoutson” è d’obbligo quando si sale a Pila! Deliziosi panini caldi meravigliosamente imbottiti placano il brontolio della fame; dedichiamo loro il tempo necessario per essere di nuovo in pista con nuove energie da spendere. Questa volta è il momento del “Couis 1”,  la zona più alta. Arriviamo in cima ed il respiro si ferma: davanti a noi un panorama mozzafiato. Ci fermiamo ad ammirare il paesaggio e a farci scaldare da un tiepido sole. E’ difficile descrivere tanta bellezza. Da una parte la valle di Cogne con il suo Gran Paradiso e dall’altra Aosta abbracciata dalle vette circostanti. Ad un certo punto, allargando lo sguardo, la montagna delle montagne, il Cervino. La discesa può riavere inizio. Ci rituffiamo in parete, la segnaletica indica “pista nera” ma non ci facciamo intimorire, i nostri sci danzano veloci e ci lasciamo cullare dall’inizio alla fine della pista.

Durante la sosta per decidere dove dirigerci, alcune tracce attirano la nostra attenzione: la destinazione è a noi sconosciuta ma, del resto, il destino favorisce chi osa! “Cuba”, senza nessun timore, si butta. Giorgia dietro ed io, con qualche esitazione, le seguo.

Voltandomi indietro, al termine del pendio, uno spettacolo! Le nostre tracce disegnano innumerevoli serpentine che si intrecciano sulla soffice coltre nevosa. A un tratto però un tonfo attira la nostra attenzione, in direzione opposta: l’imprevedibile “Cuba” che con slancio eccessivo ha affrontato un salto troppo impegnativo, scompare nella neve. Fortunatamente non si tratta di nulla ed una chiassosa risata ci tranquillizza, così da riprendere il percorso sino a valle per godere degli ultimi momenti della giornata. Il sole comincia a nascondersi lasciando un velo di luce su parte del comprensorio. Le piste riconquistano la loro quiete naturale ed è giunta l’ora di tornare a casa consapevoli delle rocambolesche cadute, degli alberi schivati, delle risate a crepapelle … e di tutto quello che ha reso magnifica una giornata sugli sci.

Testo e foto di Cristina Piccinelli

Inserito in Sci, SPORT

Tags: , , , ,

3 commenti a proposito di “Neve fresca a Pila

  1. alba il scrive:

    La montagna delle montagne è il Monte Bianco….per il resto ( a parte Cuba sempre a ruzzoloni …) è tutto ok , grandi ragazze , un bacio da un vostro tifoso .

  2. Giuseppe Di Luca il scrive:

    stupende foto !!

  3. sara il scrive:

    Mi piace.

Puoi lasciare il tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calendario Eventi

mese prec Agosto 2019 mese succ caricamento...
D L M M G V S
       
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31