Traversata da Crest (Pont Bozet) a Les Donnes (Donnas) lungo l’Alta Via 2


Un'escursione emozionante che da Pontboset porta a Donnas passando tra luoghi della fede e meraviglie naturaliIl villaggio di Bochet

Se avete voglia di camminare e mi seguite, io intanto vi racconto una storia.

“Tanto tempo fa, una donna si ritrovò a crescere il proprio figlio nella solitudine e nella disperazione, abbandonata dalla sua famiglia e da un uomo che non l’aveva voluta sposare. Si appigliò quindi all’unica cosa che le rimaneva, cioè la sua fede, e fece un voto alla Madonna di Retempio: se, nonostante le difficoltà, fosse riuscita ad allevare bene il suo bambino, avrebbe offerto ogni anno il pane a tutti i pellegrini della processione al santuario, e questo per tutta la sua vita. E così fu. Era il 1900 e il bambino aveva ormai cinque anni e stava bene. Crescendo fu lui a continuare questo rito, passando poi a sua volta il testimone al proprio figlio, che sicuramente lo passerà ai propri.”

E così, sulle note di questa storia che sa di tradizione e profumo di pane, siamo arrivati al santuario di Retempio. Qui, il 2 luglio di ogni anno, da 114 anni, si rinnova questo grande atto di fede. Il pane, portato a spalle da Pont Bozet su bellissime ma faticose mulattiere, viene benedetto e distribuito a tutti i fedeli della processione. Ho mangiato anch’io questo pane alcune volte, e vi assicuro che ha un sapore speciale.

Ma non ci fermiamo qui, la strada è ancora lunga. Ora vi lascio continuare il vostro cammino in silenzio, in compagnia solo dei vostri pensieri. Io vi aspetto al colle.

Benvenuti al Col Pousseuil. É stata dura, lo so. Allora voltatevi un attimo e godetevi il panorama, sarete ripagati di tutta la fatica fatta fin qui: ecco il Cervino, la Dent d’Herin, la Luseney, un angolino di Grand Combin, la Tersiva e….

….Non importa conoscere i nomi di tutte le vette, lo spettacolo che abbiamo di fronte ci dà l’idea dell’immensità della nostra “piccola” Valle d’Aosta.

Un ultimo sguardo ancora e possiamo iniziare la discesa dal colle; l’orientamento cambia ed ora sullo sfondo si impongono il Mont Mars e il Mombarone. Dall’alto si incomincia a vedere il bellissimo pianoro della Mouilla; il nome già ci dice che troveremo acqua. Infatti qui l’acqua non manca e dove c’è acqua c’è energia e si sta bene. É raro trovare un angolo morbido ed accogliente in un ambiente aspro e selvaggio, ed è quasi impossibile passare in questo luogo senza subirne il fascino e pensare “io mi fermo qui”.

E allora fermiamoci e riposiamoci davanti a questa piccola baita, anche perché la discesa ci aspetta e sarà lunga: a volte accompagnati dal rumore del torrente, a volte nel silenzio più assoluto, su sentieri erbosi o mulattiere lastricate, ma lunga!

La nostra traversata in bassa valle volge al termine. Siamo ormai arrivati, stanchi ma appagati, al villaggio Les Donnes. Adesso ci sono due possibilità: scendere in auto oppure, se non vi siete organizzati,  continuare ancora a piedi lungo la mulattiera e arrivare a Monteil, ai piedi della montagna di Vert, a Donnas.

Chiedete alle vostre ginocchia!

Io….. ho un’auto ad attendermi.

Ringrazio il signor Giovanni Favre per la preziosa testimonianza riguardo la tradizione del pane a Retempio, e anche la sua nonna, donna di grande forza e fede.

Testo e foto di Raffaella Pierobon

Argomenti correlati:

Inserito in SPORT, Trekking

Tags:

47 commenti a proposito di “Traversata da Crest (Pont Bozet) a Les Donnes (Donnas) lungo l’Alta Via 2

  1. Roberto il scrive:

    Hai descritto posti stupendi, in luoghi selvaggi ed appartati…complimenti

    • Raffaella il scrive:

      Grazie davvero, i commenti vanno oltre il gioco e sono sempre sinceri.

  2. Elisabetta il scrive:

    Si coglie una grandissima capacità di emozionarsi e far emozionare. L’apparente semplicità del racconto, dei luoghi, del percorso uniti alla Maestosità di alcuni sfondi rendono grazia ad uno spirito nobile! Mi piace molto!

    • Raffaella il scrive:

      Grazie Elisabetta, questi posti sono anche i tuoi. La bassa valle è unica, sconosciuta e selvaggia.

  3. pierangela il scrive:

    Posti magnifici….. Qto è bella la natura !!Foto bellissimi !!! Complimenti !!

    • Raffaella il scrive:

      Grazie per l’apprezzamento!!!

  4. Bellissimo testo, che ci accompagna dalla tradizione alla realtà…vissuta con passione!

    • Raffaella il scrive:

      Detto da te, vale più di 100 mipiace! Grazie….

  5. Emma il scrive:

    bellissimo …Raffy …belle foto …trasmetti l’amore per la montagna ..grazie

    • Raffaella il scrive:

      Ci capiamo, anche tu ami la montagna!!

  6. wilder il scrive:

    complimenti per il bel racconto di vita vissuta in tempi duri, dove la vita rasentava la sopravvivenza e per la descrizione dettagliata, di un lungo giro in meravigliosi posti ancora selvaggi.

    • Raffaella il scrive:

      Grazie per questo bellissimo commento!!

    • Raffaella il scrive:

      Grazie!!

  7. Costantino il scrive:

    Bello, interessante. Complimenti!

    • Raffaella il scrive:

      Grazie a te Tino!!

  8. graziella priod il scrive:

    Un bellissimo itinerario, che la tua descrizione rende ancora più magico. Grande Raffaella!!!

    • Raffaella il scrive:

      Graziella, quanto mi fa piacere leggere i vostri commenti. I voti contano per il gioco, gli apprezzamenti fanno bene al cuore.

  9. Sergio Scavarda il scrive:

    Grande storia di fede.Bellissima descrizione dei luoghi.
    Spero di poterci andare il prossimo anno. Grazie

    • Raffaella il scrive:

      Certo, se poi riesci ad andare in processione vivi momenti unici, poi continui per la tua strada. Grazie!!

  10. Simonetta il scrive:

    Grande Raffa…..bella storia e belle le foto…in particolare quella della Mouilla,luogo che io adoro…..

    • Raffaella il scrive:

      Guarda Simo, il merito è un po’ anche tuo, di Enzo e di Sandro: quando ho visto le vostre foto a La Mouilla ho pensato che dopo tanti anni dovevo tornare lì!!

  11. guido il scrive:

    sei meravigliosa Raffy

    • Raffaella il scrive:

      Grazie a te, a Lietta e a Ileana che mi avete accompagnato in questa escursione!!

  12. chiara il scrive:

    Complimenti. Bravissima!

    • Raffaella il scrive:

      Grazie, è il posto che ispira!

  13. Deborah il scrive:

    sei grande Raffina :) !!! complimenti sia per l’articolo che per le foto :)

    • Raffaella il scrive:

      Certo che se ci fossi stata anche tu Deborah :) . tieni pronto lo zaino per la prossima estate!!

  14. neva perracca il scrive:

    Veramente una bella storia, complimenti, brava! !!

    • Raffaella il scrive:

      Vero, questa storia è bellissima e forse è il motivo principale che mi ha convinto a partecipare!!

  15. raffaella G. il scrive:

    Grande Raffa!!! Come sempre bellissime foto e un testi originale!!

    • Raffaella il scrive:

      Grazie Raffa!!! Adoro la bassa valle, ma quando sono a Valpelline…adoro la Valpelline!!

  16. enzo il scrive:

    Complimenti! Conosco quei posti poco frequentati ma che meritano sicuramente di essere conosciuti e con le tue belle parole e le tue belle immagini sei riuscita a condividerli con tutti noi!

    • Raffaella il scrive:

      Che bello!!! Grazie per il commento!

  17. Valeria Tonino il scrive:

    Ho viaggiato nel tempo, manca il futuro…spero proprio di seguire il consiglio di Raffaella (che peccato non conoscerla) e salire, faticare e godere del panorama. Se lo farò nnon potrò non sentire profumo di pane. Grazie

    • Raffaella il scrive:

      Ma dai che mi sono commossa!!!! Grazie per il commento. Un abbraccio!

  18. Fulvio il scrive:

    Testo originale, non il solito girate a destra, proseguite, ecc. Molto belle le foto.

    • Raffaella il scrive:

      Ero ispirata dalla storia del pane!! Grazie!!

  19. Danila il scrive:

    Ho quasi sentito il gusto del pane, è ora di partecipare alla processione di Retempio. E mi è sembrato di camminare sulle morbide zolle della Mouilla.. e sulle pietre della discesa!

    • Raffaella il scrive:

      Il profumo del pane, questa storia è bella perché é vera!!

  20. Adriana il scrive:

    Ho percorso questo itinerario con Gianni il 15 di agosto di tanti anni fa e tu l’hai descritto meravigliosamente e mi è piaciuta molto la descrizione: “l’angolo morbido ed accogliente della mouilla”.Complimenti anche per le foto.

    • Raffaella il scrive:

      Ho capito chi sei!!! Certo, sono i nostri posti…sconosciuti, selvaggi e speciali!!! Grazie….

  21. Stefano il scrive:

    Spettacolare descrizione
    Bravissima
    Viene voglia di mettersi in moto e partire immediatamente

    • Raffaella il scrive:

      Grazie, non so se andrò in finale, ma i vostri commenti sono già una bella dimostarzione di affetto!

  22. maria il scrive:

    Che nostalgia! mi hai portato una boccata d’aria salubre….non sapevo del voto e la storia dei pani, che mi è piaciuta molto. Mio marito è un ex scalatore e perciò amiamo le nostre montagne compreso le magnifiche Alpi. che coronano l’Italia Grazie perciò, anche delle immagini!

    • Raffaella il scrive:

      Grazie, è davvero una bella storia quella del pane…..che va avanti da 114 anni. Grazie a te!

  23. Highly descriptive post, I liked that a lot. Will there be a part 2?|

Puoi lasciare il tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calendario Eventi

mese prec Dicembre 2019 mese succ caricamento...
D L M M G V S
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31