Il Bollettino neve e valanghe – 1


Il bollettino neve e valanghe della Valle d'Aosta: istruzioni per l'uso – Parte ILa neve e le valanghe!

A cosa serve

Il Bollettino neve e valanghe (detto anche Bollettino nivometeorologico) è uno strumento istituzionale utile per monitorare e prevedere il pericolo valanghe. È redatto secondo uno standard comune, deciso in seno all’Associazione interregionale neve e valanghe (AINEVA).

 

Come si è evoluto

Il Bollettino neve e valanghe è nato con finalità di protezione civile, per valutare il pericolo valanghe in relazione alle probabilità di distacco spontaneo e all’interazione con viabilità e aree edificate. Negli anni, con il diffondersi degli sport invernali e con l’aumento esponenziale del numero di persone che frequentano la montagna innevata, il bacino di utenza del bollettino si è ampliato, rendendo necessario valutare le condizioni del manto nevoso anche in funzione della probabilità di distacco provocato.

Pur non essendo una novità, le notizie relative agli incidenti da valanga sono sempre più all’attenzione di testate giornalistiche e social media. Gli incidenti da valanga coinvolgono soprattutto scialpinisti e sciatori fuoripista, ma anche alpinisti ed escursionisti con le racchette da neve, e il numero di persone che praticano queste discipline è in continuo aumento.

Stanno quindi aumentando anche le iniziative per divulgare e diffondere le conoscenze sulla neve, sul pericolo valanghe e sul concetto di rischio quali elementi naturali del territorio montano: il rischio zero non esiste!

 

Uno strumento indispensabile sulla neve

Il Bollettino neve e valanghe rientra nell’ambito di questa cultura dell’informazione e della prevenzione, che prevede da una parte lo sviluppo di strumenti previsionali sempre più efficaci, dall’altra il miglioramento delle modalità di divulgazione e sensibilizzazione rivolte al grande pubblico. Negli anni, il bollettino si è evoluto da un punto di vista tecnico/qualitativo, insieme all’esperienza sia dei previsori valanghe che ne seguono la realizzazione e la redazione, sia dei rilevatori e dei collaboratori che fanno parte della rete di rilevamento dati; nello stesso tempo è cresciuta anche l’esigenza di far evolvere la comunicazione, sia migliorando il bollettino, sia aiutando il pubblico a consultarlo correttamente.

Per aiutarvi a usare Bollettino neve e valanghe della Valle d’Aosta per pianificare le vostre escursioni e attività in ambiente innevato, abbiamo pubblicato una serie di articoli sugli elementi chiave del bollettino (cliccate sui vari link in fondo a questa pagina), nei quali vi proponiamo alcuni criteri e suggerimenti per interpretare il bollettino in modo univoco e corretto.

Nel frattempo, consultate il Bollettino neve e valanghe della Valle d’Aosta (realizzato dall’Ufficio neve e valanghe regionale con Fondazione Montagna Sicura) sui siti web www.regione.vda.it; www.fondms.org; www.aineva.it, oppure ascoltate il bollettino su risponditore telefonico telefonando al numero 0165 77.63.00.

 

Autore: Elisabetta Ceaglio – Fondazione Montagna sicura/Ufficio neve e valanghe

 

Letture di approfondimento

Per saperne di più, potete consultare anche la bibliografia essenziale in materia di neve e valanghe:

AINEVA, 1997 – Codice meteonivometrico. Trento. 20 pp.

AINEVA, 2012 – La Neve. Trento. 40 pp.

AINEVA, 2012 – Le Valanghe. Trento. 48 pp.

AINEVA, 2012 – I Bollettini Valanghe: Guida all’interpretazione. AINEVA. Trento. 20 pp.

CAGNATI A., 2003 – Strumenti di misura e metodi di osservazione nivometeorologici: manuale per i rilevatori dei Servizi di previsione valanghe. Associazione Interregionale Neve e Valanghe. Trento. 133 pp.

FIERZ C., ARMSTRONG R.L., DURAND Y., ETCHEVERS P., GREENE E., McCLUNG D.M., NISHIMURA K., SATYAWALI P.K., SOKRATOV S.A., 2009. The International Classification for Seasonal Snow on the Ground. IHP-VII Technical Documents in Hidrology N°83, IACS Contribution N°1, UNESCO IHP, Paris.

KAPPENBERGER G., KERKMANN J., 1997 – Il tempo in montagna: manuale di meteorologia alpina. AINEVA. Zanichelli Editore. Bologna. 255 pp.

MAIR R., NAIRZ P., 2012. Valanga. – Riconoscere le 10 più importanti situazioni tipo di pericolo valanghe. Athesia Ed., 215 pp.

McCLUNG D., SCHAERER P., 1996 – Manuale delle valanghe (edizione italiana di The Avalanche Handbook a cura di Giovanni Peretti). Zanichelli Editore. Bologna. 248 pp.

MERCALLI L., CAT BERRO D., MONTUSCHI S., CASTELLANO C., RATTI M., DI NAPOLI G., MORTARA G., GUINDANI N., 2003 – Atlante climatico della Valle d’Aosta. Regione Autonoma Valle d’Aosta con il patrocinio della Società Meteorologica Italiana. Torino. 405 pp.

 

Argomenti correlati:

Inserito in Neve valanghe, Sci alpinismo, Snow Freeride, Sulla neve

Tags: , ,

Puoi lasciare il tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calendario Eventi

mese prec Giugno 2019 mese succ caricamento...
D L M M G V S
           
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30