La ricetta “Battuto di lardo e trota” dello chef Piergiorgio Pellerei


Mettetevi alla prova con una creazione stellata di Chef Vallée, ideale con il bianco Valle d'Aosta Petite Arvine DocLa ricetta “Battuto di lardo e trota” dello ‘Chef Vallée’ Piergiorgio Pellerei

Tra i protagonisti dei corsi di cucina Chef Vallée , Piergiorgio Pellerei è il maestro della cottura della carne e sa coniugare in modo eccellente i sapori della terra valdostana, dalla selvaggina al pesce di acqua dolce.

Piergiorgio è il responsabile della cucina della Locanda La Clusaz, il ristorante stellato Michelin di Gignod. Oltre a un menu della tradizione a dir poco creativo, la Locanda vanta una piccola produzione propria di salumi davvero eccezionali come il prosciutto crudo e i tipici boudins (i sanguinacci valdostani).

Volete fare apprezzare ai vostri amici un piatto sfizioso di Piergiorgio? Ecco la ricetta del “Battuto di lardo e tartare di trota, insalatina di verza all’olio di noci”.

Ingredienti per 4 persone:

  • filetto di trota da 300 gr. affumicata
  • 50 gr lardo di Arnad
  • 3 o 4 foglie di verza
  • 1/2 cucchiaio di scalogno confit
  • pane nero
  • noci

Procedimento:

Fate una tartare con la trota, il lardo e lo scalogno confit. Tenete i composti separati (gli ingredienti devono essere tritati grossolanamente).

Tostate il pane con le noci e un filo d’olio.

Tagliate finemente la verza e condite con sale, pepe e olio.

Disponete il pane tostato in un cerchietto (coppa pasta) di circa 10 cm.

Unite a strati la trota, lo scalogno confit e il lardo.

Aggiungete sopra l’insalatina di verza e guarnite con noci e sale affumicato.

Il Vino

Siete riusciti a mettere insieme questi gustosi prodotti? Adesso vi proponiamo un abbinamento con un vino bianco che delizierà il vostro palato, il Valle d’Aosta Petite Arvine Doc di Ottin.

Elio Ottin ha creato l’azienda seguendo una passione di famiglia, i cui membri erano viticoltori di montagna da generazioni. I suoi vini hanno una grande personalità e sono prodotti quasi tutti da vitigni autoctoni, coltivati in territori naturalmente vocati alla viticoltura, dove la vita prospera con equilibrio, secondo tecniche di produzione rispettose dell’ambiente.

Il Valle d’Aosta Petite Arvine Doc è un vino bianco armonico e complesso che con fierezza richiama l’aria di montagna. Il vitigno, originario della Svizzera, trova nel territorio valdostano una notevole vocazionalità.

Colore giallo oro con riflessi paglierini. Bouquet complesso che spazia dai fiori, come il biancospino, passando attraverso sentori di agrumi, frutti tropicali e profumi leggermente aromatici con un finale che ricorda il miele.

(autore: Marilena Besenval)


Unable to contact Google Maps API service.

Inserito in GUSTO, Ricette

Tags: , , ,

Puoi lasciare il tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calendario Eventi

mese prec Giugno 2019 mese succ caricamento...
D L M M G V S
           
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30