Maxiavalanche Cervinia: cronache di un team

Evento dal 19/07/2013 al 21/07/2013
Racconto di una memorabile avventura vissuta ai piedi del Monte Cervino

Maxiavalanche di Cervinia 2013: Lo Smile Bike Team c’era!!!

Venerdi partenza alle 21 e dopo sei ore e mezza di viaggio arriviamo a notte fonda a Cervinia. In un lampo approntiamo il “Villaggio Smile Bike Team“: tende e gazebo per le poche ore di sonno rimaste.

Alle 7,00 sveglia, e subito i preparativi per il ritiro placche numeriche. Al bar l’incontro con il grande Daniele, che ci ha assistiti nella logistica pre partenza (sempre gentile e disponibile), e si parte.

Venerdì, prove libere

Funivia, cabinovia, funivia e siamo al Plateau Rosà: sole e panorama mozzafiato ci tolgono il respiro (e già che a 3500 mt si respira con affanno).

Il resto del gruppo si affaccia sulla pista che si snoda bianca per chilometri, giusto il tempo per un paio di foto e poi… all’attacco!!!

È presto e la neve tiene, si toccano velocità belle ed emozionanti. Mano a mano che scendiamo di altitudine però l’inconsistenza della neve ci fa rallentare. Piedi fuori e giù dentro i solchi fino in fondo.

Iniziamo il tratto roccioso ed ogni tanto siamo costretti a fermarci a guardare la magnificenza del paesaggio che ci circonda: tutto è immenso e meraviglioso. I ragazzi hanno i sorrisi stampati e gli occhi sono sgranati, le battute e gli sfottò sottolineano l’allegria offerta dal contesto.

Arriviamo in fondo, siamo stanchi ma appagati. La Maxi ci ha già stregati!!

Dopo un panino frugale, scendiamo a fatica il chilometro che ci separa dalla partenza per le qualifiche (spostata più in basso per problemi di neve che scioglie): abbiamo le anche già disarticolate e stanche, ma lo start incombe.

Sabato, le qualifiche

Gli attimi prima della partenza sono i più emozionanti, tutti in griglia, gli uni di fianco agli altri, alcuni ci si conosce e nascono le goliardie di rito. Tutti insieme appassionatamente: ci si concentra, si studiano le traiettorie da fare. Inizia il conto alla rovescia: 10 minuti che non passano mai, 5 minuti, poi 1 minuto, 30 secondi e l’adrenalina sale a mille, 10 secondi e via!

Si rizzano i peli della pelle e un nugolo di bici ti passano a fianco, sorpassi, allunghi, sei già in affanno, ma la Maxi continua e tu stringi i denti e fai lunghi respiri per poter recuperare. La gara è lunga ed affascinante.

E poi, il bike park finale, da goduria pura fino all’arrivo, accolti da molta gente generosa di applausi.

Archiviamo la qualifica che per noi è una formalità. Una bella doccia, due passi turistici in paese, una bella cena e, cotti e soddisfatti, si va a letto. Domani c’è la regina che ci aspetta al plateau!

Domenica, prima manche

È molto presto e ci accingiamo a salire, sguardi assonnati, fa un po’ freddo e io mi maledico per essermi tolto le calze lunghe, (ma tutti i big hanno i calzini corti, e io che faccio, lo zoticone? mannaggia a me!). Saliamo ancora, e il freddo sembra attenuarsi fino all’arrivo al plateau, dove ci accoglie un pallido sole.

L’organizzazione prepara le “ligne” e chiama i primi a partire, che scendono come schegge! Guardarli è affascinante, ma il dubbio sorge spontaneo: sarà uguale per noi? Non esattamente… però ci siamo difesi!

Arriviamo in fondo, e ci aspettiamo tutti con i nostri incitamenti ad ogni arrivato. È una bella festa. Siamo distrutti, stanchi morti e qualcuno propone di non fare la seconda manche, ma come per le partorienti che dopo aver messo alla luce il primo figlio giurano di non farlo mai più (subito smentite nel giro di qualche giorno), così noi: è bastato qualche minuto per riattivare la carica di energia sportiva che ci contraddistingue.

Seconda Manche

Si torna tutti su, con le stesse aspettative della prima manche: la Maxi ci ha promesso divertimento e noi ci fidiamo.

Arriviamo alla fine della seconda manche, stavolta non proprio distrutti… ma letteralmente morti. Però soddisfattissimi, a raccontarci le emozioni vissute, le cadute, i sorpassi, i tratti percorsi insieme.

Sì, la maxiavalanche ci ha premiati tutti, belli, vincenti e brutti!

Con il sorriso sulle labbra ci aspettano le nostre sei ore e mezza di viaggio trascorse a raccontarci, fra una birra e l’altra, i momenti vissuti insieme: noi e la Maxi.

@ tutti gli organizzatori: ci si vede il prossimo anno.

@ tutti i bikers: non perdetevela!

(autore: Flavio Zallocco)


Google Calendar iCal

Argomenti correlati:

Inserito in ADRENALINA, Downhill e Freeride

Tags: , ,

Puoi lasciare il tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calendario Eventi

mese prec Dicembre 2017 mese succ caricamento...
D L M M G V S
         
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31